Annuncio di lavoro per Concorso per 15 Borse di Studio a tutta Italia

Ricerca offerte di lavoro per regionecerca il tuo lavoro

Ultime offerte di lavoro inseriteConcorso per 15 Borse di Studio

Ministero Interno

07/02/2019 - Il Ministero dell’Interno, Dipartimento per gli affari interni e territoriali, ha indetto un concorso pubblico per il conferimento di 15 borse di studio.

Queste ultime saranno assegnate ai figli e agli orfani dei segretari appartenenti ai ruoli delle comunità montane e dei consorzi comuni. Fanno riferimento all’anno scolastico/accademico 2018 – 2019.

Il bando di concorso scade il 30 settembre 2019. Ecco cosa sapere e come inoltrare la domanda.

BORSE DI STUDIO MINISTERO INTERNO
Le borse di studio da assegnare per concorso da parte del Ministero dell’Interno sono ripartite come segue:

studenti di scuole medie inferiori: 2 borse di studio da 100 euro l’una;
studenti delle scuole medie superiori: 4 borse di studio da 160 euro l’una;
studenti delle università statali o private e di istituti superiori equiparati (conservatorio, accademia delle belle arti, accademia di arte drammatica, accademia di danza, ecc…): 1 borsa di studio da 200 euro ciascuna;
studenti delle università statali o private e di istituti superiori equiparati: 8 borse di studio così ripartite:
– laureandi iscritti agli anni successivi al primo: 6 borse di studio da 280 euro ciascuna;
– laureati nell’anno 2018/2019 in possesso del titolo di laurea: 1 borse di studio da 450 euro;
– laureati nell’anno 2018/2019 in possesso del titolo di laurea magistrale: 1 borse di studio da 560 euro.
Qualora l’ammontare delle borse di studio risulti superiore a quello definito per le suddette categorie di soggetti, la somma rimanente sarà assegnata alla categoria con il maggior numero di concorrenti.

DESTINATARI
Le 15 borse di studio per cui è indetto il concorso del Ministero dell’Interno sono da assegnarsi ai figli e orfani dei segretari appartenenti ai ruoli delle comunità montane e dei consorzi comuni, che siano in attività di servizio o in posizione di quiescenza.

In particolare, le borse di studio saranno conferite agli studenti o ai laureati frequentanti i seguenti corsi di studio:
– studenti delle scuole media inferiori;
– studenti delle scuole medie superiori;
– studenti iscritti al corso di laurea con titolo universitario rilasciato ai sensi dell’art. 3, comma 1, lettera a) del decreto del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca 22 ottobre 2004, n.270;
– studenti iscritti al corso di laurea magistrale con titolo universitario rilasciato ai sensi dell’art. 3, comma 1, lettera a) del decreto del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca 22 ottobre 2004, n.270;
– studenti iscritti al corso di laurea con titolo universitario rilasciati ai sensi dei decreti precedenti al 2004;
– studenti iscritti al corso di laurea magistrale con titolo universitario rilasciati ai sensi dei decreti precedenti al 2004.

SELEZIONE
Le borse di studio del Viminale saranno assegnate da una Commissione nominata dal Ministero dell’Interno che provvederà a redigere una graduatoria attribuendo un punteggio ai candidati.

Tale punteggio sarà assegnato a seconda della categoria di studenti o laureati e dipenderà dalla media dei voti ottenuti durante i percorsi scolastici o accademici.

DOMANDA
Per partecipare alle borse di studio Ministero dell’Interno, i candidati devono compilare l’apposito MODULO (PDF 318 KB) di domanda e inviarlo entro il 30 settembre 2019, secondo le seguenti modalità:
– tramite una casella di posta certificata personale all’indirizzo PEC: utgautonomie.personaleentilocali@pec.interno.it;
– a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento indirizzata al Ministero dell’Interno – Dipartimento per gli affari interni e territoriali – Direzione centrale per gli uffici territoriali del Governo e per le autonomie locali – ufficio VII – affari degli enti locali.

Le domande di selezione dovranno essere corredate dalla seguente documentazione:
– autocertificazione del genitore da cui risulti che il candidato è figlio di segretario generale di una comunità montana o di un consorzio di comuni in servizio o in posizione di quiescenza,con l’indicazione, in tal caso, dell’ultima sede e dell’ultimo anno di servizio. Se il candidato è minorenne, la dichiarazione sarà sottoscritta da chi esercita la potestà genitoriale o la tutela (modello 1);
– autocertificazione relativa alle valutazioni di merito;
– copia del piano di studio approvato dalla facoltà frequentata dagli studenti universitari;
– modello ISEE 2018;
– dichiarazione relativa alla modalità prescelta per il pagamento del premio;
– fotocopia di un documento d’identità in corso di validità.

Ogni altro dettaglio sulle modalità di presentazione della domanda di ammissione è indicato nel bando che rendiamo disponibile di seguito.

BANDO BORSE DI STUDIO
I candidati al concorso Ministero dell’Interno per le 15 borse di studio sono tenuti a leggere con attenzione il bando pubblicato sulla GU IV Serie Speciale – Concorsi ed Esami n.10 del 5-2-2019.

Tutte le eventuali successive comunicazioni relative al bando per le borse di studio da conferire ai figli e orfani di segretari dei ruoli delle comunità montane e dei consorzi comuni, saranno pubblicate sul sito ufficiale del Ministero dell’Interno 

Il presente annuncio é rivolto ad entrambi i sessi, ai sensi delle leggi 903/77 e 125/91, e a persone di tutte le età e tutte le nazionalità, ai sensi dei decreti legislativi 215/03 e 216/03.

Iscriviti alla nostra newsletterRicevi le migliori offerte di lavoro via email

iscriviti per inviare le tue candidature alle offerte di lavoro tramite i nostri servizi

Accetto i termini e le condizioni di utilizzo del portale*
Acconsento al trattamento dei dati personali secondo l'informativa resa, per le finalità necessarie alla fornitura del servizio, art. 3, lett. a) e b);*
Acconsento al trattamento dei dati personali per le finalità commerciali/statistiche del Titolare, di cui all'art. 3, lett. c) e d) dell'informativa resa;
   
Acconsento al trattamento dei dati personali per l'inoltro di comunicazioni commerciali di terzi, di cui all'art. 3, lett. e) dell'informativa resa.