Newsportalelavoro news

Super Green pass, ecco cosa cambia dal 6 dicembre

Super Green pass, ecco cosa cambia dal 6 dicembre

05/12/2021 - Super Green pass, ecco cosa cambia dal 6 dicembre

Da lunedì 6 dicembre entrano in vigore le nuove regole anti-Covid e il Super Green Pass anche in zona bianca. Il decreto legge approvato dal Cdm lo scorso 24 novembre prevede sanzioni da 400 a mille euro per chi entra in ristoranti e locali senza il certificato verde "rafforzato" e senza quello "base" sui mezzi di trasporto. Le forze dell'ordine saranno impiegate alle fermate di bus e metro.

DOVE SERVE IL GREEN PASS BASE - Da lunedì si ridurranno gli spazi per gli oltre 6 milioni di italiani non vaccinati: scatta la nuova stretta e anche per prendere i mezzi pubblici (trasporto ferroviario regionale e interregionale oltre al trasporto pubblico locale) sarà necessario avere almeno il Green pass base (quello che si ottiene anche con il solo tampone). Con il test negativo si potrà continuare ad andare a lavoro, in palestra, pernottare in albergo e poco altro. Solo col tampone non ci si potrà sedere al tavolo al bar, andare al ristorante al chiuso o a teatro. Il "base" è obbligatorio anche per alberghi, spogliatoi per l'attività sportiva, matrimoni, battesimi e comunioni.

DOVE SERVE IL SUPER GREEN PASS - Dal 6 dicembre, come detto, arriva il Green pass rafforzato: vale solo per coloro che sono o vaccinati o guariti e serve per accedere ad attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla ma deve essere utilizzato a partire dalla zona bianca per spettacoli, eventi sportivi, ristorazione al chiuso, discoteche ed eventi pubblici. Il Super Green pass è necessario anche per feste di compleanno e di laurea. In caso di passaggio in zona arancione le restrizioni e le limitazioni non scattano ma alle attività possono accedere i soli detentori del Green pass rafforzato.

VALE IL GREEN PASS GIÀ IN POSSESSO - Non sarà necessario scaricare il Green pass rafforzato: per vaccinati e guariti vale quello già in possesso. Il Qr code resterà infatti lo stesso, anche se durerà non più 12 ma 9 mesi, e verrà aggiornata la App "Verifica C19" per i controlli.

MULTE E SANZIONI - I trasgressori che accedono senza possedere o fornire il certificato "rafforzato" rischiano multe salate dai 400 ai mille euro. Stesso discorso vale per i gestori dei locali, in caso di mancato controllo del certificato. Nel caso di multe per più di tre giorni, il locale è inoltre passabile di chiusura fino a dieci giorni. Rischia di pagare dai 400 ai mille euro anche chi viola le regole sul Green pass "base": verrà punito sia chi accede senza certificato verde o con certificato falso sia chi non controlla.

CONTROLLI - Una circolare del Viminale ha tracciato la cornice. I controlli sui mezzi pubblici devono essere attuati in modo tale da garantire la fluidità del servizio e da "scongiurare" possibili "assembramenti ed eventuali ricadute di ordine pubblico" e andranno potenziati anche nelle zone della movida.

In generale, la polizia municipale e la Guardia di Finanza svolgeranno le verifiche nei ristoranti e negli esercizi pubblici, mentre quelle su autobus e metropolitane sono affidate in modo prioritario a polizia e carabinieri, supportati dai vigili urbani e dal personale delle aziende di trasporto, saranno a campione e nelle maggior parte dei casi verranno effettuate alle stazioni e alle fermate.

LAVORO - Per quanto riguarda i lavoratori, resta in vigore l'obbligo di mostrare la certificazione base. Dal 15 dicembre scatterà invece l'obbligo vaccinale per alcune categorie: personale amministrativo della Sanità, docenti e personale amministrativo della scuola, militari, forze di polizia e personale del soccorso pubblico.

 

Iscriviti alla nostra newsletterRicevi le migliori offerte di lavoro via email

iscriviti per inviare le tue candidature alle offerte di lavoro tramite i nostri servizi

Accetto i termini e le condizioni di utilizzo del portale*
Acconsento al trattamento dei dati personali secondo l'informativa resa, per le finalità necessarie alla fornitura del servizio, art. 3, lett. a) e b);*
Acconsento al trattamento dei dati personali per le finalità commerciali/statistiche del Titolare, di cui all'art. 3, lett. c) e d) dell'informativa resa;
   
Acconsento al trattamento dei dati personali per l'inoltro di comunicazioni commerciali di terzi, di cui all'art. 3, lett. e) dell'informativa resa.